Una memoria buona

dormo poco ormai, la notte mi sveglio con l’ansia più che ansia è paura paura di non ricordarti mi asciugo il sudore e cerco il tuo volto nel buio cerco il tuo sguardo cerco te nelle cose arraffo il bicchiere con l’acqua bevo facendo un…

Quei vestiti stretti delle donne

  chissà cosa pensano le donne mentre vanno con i loro silenzi lungo i giorni con il tempo stretto chissà cosa pensano mentre scelgono i sorrisi da abbinare a chi hanno di fronte chissà cosa pensano mentre fanno finta di chiacchierare e sistemano il mondo…

spiegami

    spiegami toglimi le pieghe le pieghe dell’anima dove ristagnano i silenzi piegati attorno alle parole non dette spiegami dammi un appiglio un appiglio che sia solido forte come il coraggio di chi resta di chi sa spiegare cosa vuol dire andare spiegami come…

Il mercatino delle parole

La domenica era un giorno speciale. Gli piaceva alzarsi con calma e prepararsi con attenzione per andare al mercatino. Chiudeva la porta di casa e toccava la tasca dove aveva messo la lista delle cose che gli servivano. Si avviava senza fretta respirando la domenica…

Phasor

Un vento non può fermarsi, un albero non può muoversi ma l’amore non conosce la forma delle anime… PHASOR Sono Phasor, sono il tuo vento tu mi hai dato nome Io conosco la tua materia ti racconto del mondo e sposto le nuvole per te…

Le spose dei prati

come spose dei prati cantano il loro inno nuziale alla nuova stagione e non importa se sono in bella vista o solitari tra rocce deserte tendono i loro petali di speranza al cielo nuovo si aprono come minuscoli fogli ancora da scrivere i fiori dei…

Le campane in cima alla collina

certe sere… quelle sere che neanche l’aria riesce a riempire vado su, in cima alla collina dove le campane salutano il mare ascolto la mancanza di te ho smesso di chiedermi “se…” ho finito tutte le risposte guardo le barche galleggiare nel sole basso e…

La notte di Natale

    Io sono l’altra… quella che sta dietro “agli straordinari”, “alle riunioni”, “alle cene di lavoro”, “ai corsi di aggiornamento”. Io sono quella che ha i regali più costosi e i tempi commerciali. Io sono quella che ha le feste comandate racchiuse in messaggi…

Una storia di Natale

  lui sbuffava quando sbucava subito dopo la curva ed era così bello che cominciò ad aspettarlo e, un giorno, si rese conto di essersi innamorata. per farsi notare agitava al vento i suoi rami pieni di fiori lui, passandole accanto fischiava e sbuffava il…

E buonanotte ai morti

e buonanotte ai morti, ma ai morti per davvero, quelli morti per sempre, quelli dimenticati perché sono morti quando il mondo era distratto da altro quelli che hanno il nome uguale per tutti: vittime quelli che fanno parte di un totale quelli che servono per…