Senza barare

come si fa a raccontare a un bambino la vita… come si indica ciò che è buono da ciò che non lo è senza barare senza barare con noi stessi senza citare ballate antiche dove il bene vince sempre come si fa ad insegnare a un bambino che la vita spesso…

Buon Anno!!!

e quindi siamo alla fine di questo anno odio cordialmente fare i bilanci e passo avanti è andata… in qualche modo è andata e siamo qua scatole di kleenex vuote, ombrelli smarriti, ventagli dimenticati, giacchette lasciate chissà dove, siamo noi, con le nostre foto incorniciate qua e là su vecchi…

vorrei…

vorrei… vorrei… non so eppure vorrei tante cose e forse nessuna veramente vorrei un tuffo al cuore un battito sospeso una scintilla di follia che si dondoli tra i pensieri seri vorrei quel profumo che mi faccia sorridere o forse un tocco delicato che segua la linea del mio naso…

Una storia di Natale

  lui sbuffava sempre quando sbucava subito dopo la curva ed era così bello che cominciò ad aspettarlo e, un giorno, si rese conto di essersi innamorata. per farsi notare agitava al vento i suoi rami pieni di fiori lui, passandole accanto fischiava e sbuffava il suo fumo. erano pochi…

Il pensiero felice

  – Cosa fai ancora attaccata al quel ramo? Sono tutte andate via. – Io aspetto ancora un po’. – Cosa aspetti? – Che il ghiaccio si sciolga. – Ma la primavera è lontana, avrai giorni di freddo, di gelo, il vento ti sferzerà, cercherà di strapparti, lasciati andare adesso….

Daniela Carrasco e tutte le donne come lei.

Quando un uomo, una donna, un essere umano, quando uno stato, un governo, non ha le parole per far valere le proprie ragioni, quando non ha parole e usa la violenza HA GIÀ PERSO. per lei e per tutte le donne come lei quelle che fanno tanta paura che bisogna…

Il palloncino blu e l’Alter Ego

C’era una volta un palloncino blu, scappato dalla mano di qualcuno. Volò velocissimo verso qualcosa, in effetti non sapeva neanche dove stesse andando, ma grande fu la sua sorpresa quando si fermò. Cercò di capire chi lo stesse tenendo, rischiando di esplodere, si piegò verso il basso e vide il…

Un semplice pomeriggio d’autunno

Fuori il vento colorava di rosso e di giallo quel semplice pomeriggio d’autunno. Gialla, la mia cucina era di un giallo solare, denso di parole e di persone che erano passate come viandanti in sosta, lasciando un po’ di sé. Sei entrato nella mia cucina gialla tenendo in mano un…

Turistafaidate

Una domenica mattina di inizio settembre, dopo aver camminato per due chilometri e mezzo e attraversato un canale con una chiatta, una turistafaidate arriva nel cuore della città. È un cuore strano, batte un ritmo cantilenante, di tamburi e campane. Lasciato il lungomare si addentra nelle vie. Meravigliose chiese di…

11 Settembre

Avrei voluto che mi dessi un bacio prima di andartene non che raccogliessi tutti i tuoi ordinati pensieri e li mettessi nella cartellina di pelle ogni pensiero con la sigla del tuo nome sotto avrei voluto che mi dessi un bacio prima di andartene non che ti guardassi le lucide…