Un granello

ho un granello di sabbia in un occhio… credo sia un granello di sabbia quanto è fastidioso brucia sbatto le ciglia mi guardo allo specchio cercando di vederlo che strano: un granello di sabbia chissà da dove viene da quale spiaggia quale vento lo ha portato  da me mentre cerco…

Il profumo della vita

Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine (..) Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando che essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare (Pablo Neruda). Un forte profumo di caffè… Ci sono storie che iniziano in luoghi particolari, in posti ben precisi. Io non…

Anna si passò una mano tra i capelli

Anna si passò una mano tra i capelli. Avrei voluto dirglielo che l’avevo vista, era stato bello quel gesto, una poesia. Anna alzò la mano che pendeva quasi staccata dal resto del corpo e con un gesto così femminile, così vanitoso e leggero si ravviò i capelli e accompagnò il…

Elena e i fiori di sale

Elena e i fiori di sale

  Scendeva ogni giorno, di ogni settimana, di ogni mese dell’anno, a piccoli passi leggeri, senza rumore. Raggiungeva la salina, sempre la seconda, salutando con un cenno di capo e un sorriso chiunque incontrava e prendeva a cantare sottovoce arie di lirica. D’inverno, il vento del mare sferzava gli ulivi…

Vento del mare

quel battito era una promessa di vita quel battito improvviso inaspettato quando avevo già spento le luci dell’anima. quel battito dell’imposta sbattuta dal vento contro il muro assolato della casa abbandonata silenziosa quel vento presuntuoso ebbro di mare di resina di pini senza permessi entrò nel silenzio riempiendolo di sè…

L’italiano medio e il lupo

…. E così, l’Italiano medio andò dalla nonna e disse: “Nonna, nonna, ma che bell’aspetto hai, sembri più giovane, abbronzata, ma come fai?”. E il lupo rispose: “Sono stata in una beauty farm, poi sono stata alle Maldive. Se prenoti in anticipo ci sono le offerte, conviene.”. “Nonna, ma ci…

Pomodori e gelsomini

Il caldo all’interno della serra era insopportabile. Antonio non ci faceva più caso. Si muoveva svelto tra i filari alti dei pomodori. Era stata un’ottima annata, pensava guardando i grappoli rossi, e gli occhi gli ridevano. Raccoglieva i frutti maturi e sembrava che il contenitore non si riempisse mai. Spinse…

Le carrube

La vita e la morte, un ciclo naturale che si ripete all’infinito, sempre uguale, così semplice, ma non facile, nel suo corso, che non può far paura. Un seme diventa albero. L’albero dà i suoi frutti. I frutti maturi vengono raccolti. Ma i frutti non sono tutti uguali, anche se…

La musica dentro

mi è sempre piaciuto… l’affascinante uso delle parole ma ci sono volte che rigiro tra le mani quelle lettere legate da spazi vuoti e non trovo ciò che cerco come un giocoliere guardo i birilli e li peso senza avere la musica dentro per tirarli in aria è la musica…

Parole perdute

Una volta, sin dalle scuole elementari, si faceva un esercizio di grammatica, molto noioso per la verità, ma dall’indubbia utilità: “Cerca sul vocabolario le seguenti parole ….” E da lì una sfilza di nomi da scoprire e ricopiare sulla rubrichetta. Non so se i nuovi e complessi programmi ministeriali considerino…

1 56 57 58