La pioggia era passata

Veniva giù quella pioggia di primavera… Hai idea di quello che succedeva quando pioveva e io, ero ancora in quella casa? Non credo che tu possa farlo, capire, intendo. Tu arrivavi quando c’era il sole e i mobili erano stati lucidati di fresco. Entravi con il tuo passo sicuro e…

Buon compleanno!!!

questo sito è nato il 18 aprile 2012 ero felice di avere uno spazio dove appoggiare i miei pensieri e al tempo stesso ero un po’ timorosa perché non sapevo se sarei stata in grado di scrivere, di porre, di raccontare, di regalare pensieri sempre diversi e che avessero qualcosa…

Anima senza

Era, a prima vista, come una specie di “anima senza” senza porte senza finestre senza vita aveva muri scrostati aveva mattoni rotti aveva l’eco dei passi di chi non ha paura di entrare aveva, da una ferita, un ramo di pianta che indomito, incurante della solitudine s’affacciava al sole di…

Anna si passò una mano tra i capelli

“Casa di Cura Regina Margherita” recita il cartello all’ingresso e lì, si deve capire subito che è tutta una bugia, nessuna regina abiterebbe qui, in questo squallido casermone con le stanze grandi come sgabuzzini per le scope, ad eccezione del salone comune dove sostiamo per buona parte del giorno rispettando…

Il Giovedì Santo

“Cu nnappa nappa re cassati i Pasqua” [“chi ne ha avute, ne ha avute delle cassate di Pasqua” ] All’alba del Giovedì Santo passava per le vie del paese a ricuttara, la moglie del massaro, che vendeva le ricotte e portava il latte di porta in porta riempiendo le bottiglie…

Nel momento prima dell’alba

mi piacerebbe, vorrei tanto ascoltare ancora le tue parole sentire la tua risata che faceva eco dentro di me e mi portava in posti che solo tu conoscevi. adesso guardo tutte le mie parole lasciate a metà quelle rimaste ai piedi del letto come coperte nei primi giorni caldi d’estate…

Belle, coraggiose e forti

  Oggi 9 Marzo. Anche quest’anno la festa della donna è già trascorsa. Le mimose possono tornare a essere solo mimose, ad abbellire giardini e viali. Le donne possono tornare a fare le donne. Ieri è stata tutta una profusione d’auguri, come da protocollo. Ovunque si è tanto parlato della…

Le femmine si toccano

Le femmine hanno bisogno di toccare per riconoscere la vita per riconoscersi per farsi riconoscere per essere vita. Le femmine appena hanno partorito toccano l’essere appena nato accarezzandolo lievemente come un sospiro di vita di meraviglia di incredulità e quell’essere appena nato riconosce quel tocco e sa di essere vivo….

La notte delle streghe

– Guarda la Luna e segna il tuo passo. Abher trhiska varua garua arghura mager sirhen. Questa è la notte delle streghe, figlie d’Albedo. Guarda la Luna e segna il tuo passo. Girano attorno alla madre Luna, le figlie capricciose con gli occhi color della notte. Girano e cantano la…

Era importantissimo che ci fossi

Mi diede appuntamento in piazza. Ero felice, agitata, agitatamente felice. Dimenticai le chiavi di casa, o forse erano quelle della macchina, dimenticai la mascherina, dimenticai di guardarmi i capelli prima di scendere dalla macchina, dimenticai proprio di guardarmi e mi ricordai che non avevo messo il rossetto e… non avevo…