Il pezzettino più raro

mi era sempre piaciuto quel suo modo di discorrere di raccontare quel mondo che vedeva il suo mondo, a volte così diverso dal mio lei aveva quel modo tutto suo di porgerlo era un modo autoritario ma con grazia. credo di essermi innamorato così percorrendo…

Le parole sospese

mi piacevano quelle parole che lasciavo sospese restavano nell’aria attorno come un profumo come una stagione continuavo a respirarle anche dopo tu non capivi quel silenzio il silenzio di quando respiravo le parole sospese poi ho lasciato che le parole cadessero ed è stato facile…

Una storia di Natale

  lui sbuffava quando sbucava subito dopo la curva ed era così bello che cominciò ad aspettarlo e, un giorno, si rese conto di essersi innamorata. per farsi notare agitava al vento i suoi rami pieni di fiori lui, passandole accanto fischiava e sbuffava il…

Latin lover

aveva occhi che ridevano e campi estesi di solitudini dove coltivava bugie e grandi amori aveva laghi di silenzi dove non entravano neanche le sue amanti ma donava loro, meravigliose parole usate aveva grandi tasche con dentro pezzi di poesie e rancori antichi amava sfidare…

Anima senza

Era, a prima vista, come una specie di “anima senza” senza porte senza finestre senza vita aveva muri scrostati aveva mattoni rotti aveva l’eco dei passi di chi non ha paura di entrare aveva, da una ferita, un ramo di pianta che indomito, incurante della…

Nel momento prima dell’alba

mi piacerebbe, vorrei tanto ascoltare ancora le tue parole sentire la tua risata che faceva eco dentro di me e mi portava in posti che solo tu conoscevi. adesso guardo tutte le mie parole lasciate a metà quelle rimaste ai piedi del letto come coperte…

Il cormorano

oggi, giornata grigia e ventosa la pioggia arriva a tratti come ricordi malinconici il mare si gonfia e si arrotola inventando riccioli bianchi si infrange sugli scogli e si allunga sulla spiaggia. guardo, oltre le sedie vuote del bar, il mare e le sue volute…

La nenia della neve

rimase ad ascoltare la neve che copriva le cose rimboccava le coperte ai piedi delle case posava candidi cuscini sui tetti sulle panchine solitarie. era una nenia quella notte di neve poteva quasi crederci che ci fosse qualcuno qualcuno che avesse cura del suo mondo…

Schiuma di mare

lei era così come i pensieri che non trovano mai pace come le nuvole che raccontano le stagioni potevi trovarla sempre eppure così distante da ogni cosa era una di quelle che non si dimenticano ma che raramente appartengono a qualcuno a qualcosa era schiuma…