Intervista alla spigolatrice di Sapri

Dopo aver letto su ognidove, ogni cosa possibile riguardo la spigolatrice di Sapri, non mi restava che portarmi, come si direbbe ufficialmente, a Sapri e vedere di capirci qualcosa.

Arrivo al lungomare in tarda mattinata e non occorre chiedere dove si trovi la donna più famosa del golfo, basta seguire i gruppi di turisti. Lei è là, davanti al mare che scintilla più che mai. Se fossimo in qualche nazione nord europea, direi che c’è una notevole “fila”, ma siamo in un luogo dove i colori e la fantasia parlano italiano e quindi, la gente sta a gruppi eterogenei, sparsi come nuvole fluttuanti su un cielo azzurro, insomma, ammucchiati disordinatamente attorno al bronzeo corpo statuario.

Aspetto. Osservo i vari cellulari, scattare un numero considerevole di foto, osservo i sorrisi compiaciuti quasi fosse merito loro, osservo quella variegata umanità contenta di essere lì, ascolto i commenti e… vabbè, mi distraggo volontariamente. Più avanti, la stele che reca scolpita la poesia di Luigi Mercantini, sta sola, come una pietra miliare coperta di foglie morte… sì, forse sto diventando troppo melodrammatica, mi ero fatta prendere dal testo della poesia: lui, Carlo, bello, biondo con gli occhi azzurri e quei trecento ragazzi che vanno in contro alla morte… va bene, erano galeotti che il Carlo di cui sopra, aveva fatto evadere dalla prigione di Ponza, ma sempre trecento erano, anzi a essere cavillosi, trecentoventitre. Mentre io e la stele ci facciamo compagnia, arriva l’ora di pranzo, di conseguenza, le nuvole sparse, i gruppi e i singoli attorno alla spigolatrice, sciamano verso qualcosa di più pratico. Mi avvicino.

Mi presento, chiedo scusa per l’ora poco opportuna e le chiedo se posso farle qualche domanda.

S.- Eccome no, mi fa molto piacere fare due chiacchiere.

I.- Come sta?

S.- Eh, e come devo stare? Tengo na cervicale che… ma vulesse sapè, na posizione decisa no? O ‘nfront o mare o ‘nfront o paese! Aè chillo invece, ‘o scultore, ha voluto fare l’artista… m’ha fatto che, secondo lui, vado verso il paese ma guardo il mare, per fortuna che sto ferma sinnò sai quante carute!

I.- Beh, in effetti, ha ragione, con quella posizione e l’umidità del mare, la cervicale è garantita, ma gli artisti sono bravi perché fanno immaginare…

S.- E che vuol dire? Anche il Cristo di Maratea è stato fatto da un’artista, ma sta bello dritto, vabbuò, l’hanno girato dalla parte sbagliata però sta bello dritto che è nu piacere a guardarlo.

I.- A proposito di artisti, il suo a chi si è ispirato?

S.- Volete dire per il viso.

I.- Sì, certo.

S.- Amica bella, ma davvero pensate che qualcuno m’abbia guardato in faccia? Io potrei avere certi baffi da far invidia a Carlo mio, ma verament’ pensate che s’accurgessero che tenev’ e baffi?

S.- Hem… ma come andò quella storia con Carlo suo? Sono indiscreta?

S.- Ma che vi devo dire, chillo ca m’ha ‘nguaiato è stato il Mercantini, io vendevo panini e panelle al forno di mio padre e chillo, o poeta, passa e spassa davanti al forno, tutti i giorni e tutte le ore e io, niente… insomma, non mi piaceva granché, perchè ammè piaceva Carlo, no chillo ca doveva arrivare con la barca a vapore, Carlo, o figlio del barbiere e iss, il Mercantini, per vendicarsi m’ha misa in questa storia d’una tristezza… Maronna mia che tristezza…

I.- Quindi, non se ne andava a spigolare?

S.- Ma quando mai! A Sapri i campi di grano? Chiedete pure in giro… mai stati campi di grano ca’. Ve l’aggia ritt’, è tutta colpa del Mercantini , ha inventato tutto per mettermi in questo guaio… Carlo, chillo famoso con la barca a vapore, manco è arrivato a Sapri, è sbarcato a Vibonati, nu paese che sta ca’ vicino, e da certe conoscenze, aggia saputo che neanche gli occhi azzurri teneva, marroni erano.

I.- Sconvolgente. Lei sa che generazioni di bambini hanno studiato: eran trecento, erano giovani e forti…

S.- … e sono morti. Mamma mia che tristezza! Chillo accussì era, Luigi, uno triste, sempre pensieroso… ma io potevo “invaghirmi” di uno così? Semp’ a pensare a cose pesanti… teneva semp’ a malincunia. Guardate che posto incantevole, che mare, che profumi… e chill’ pinsava a Pisacane, che teneva ll’uocchi marrone, no azzurri, e a barca a vapore. Ma vi pare normale? Per fortuna che, grazie all’artista, ‘o scultore Emanuele Stifano, mò a gente viene ca’ per cose allegre.

I.- Ho sentito qualcuno chiedersi se la bisnonna di Belen non fosse passata da Sapri…

S.- (ride) A gente ha voglia e’ cose che tengono a mente fresca, re nun pensà a nient’, e alla fine, sta cosa, fa comodo a tutti. Anche pecché, parlammoci chiaro, i ragazzi di oggi a poesia non la studiano più, e l’hanno riscoperta, dopo tutto il polverone… e comunque, a gente viene, si sposta, alcuni fanno domande, altri sono allegri e basta.

I.- Quindi, non le danno fastidio tutte quelle persone che… toccano.

S.- Veramente nu poco e fastidio lo danno, ma tengo sto’ collo girato, ogni tanto, vuliss guardà abbasc accussì a qualcuno u potess fulminà cu ll’uocchi. Provano a pizzicà… ci credete che provano proprio a pizzicà! Ecco, a chilli là… se putess moviri a mano… na soddisfazione ma levassi, poi penso alla mia collega e me ne faccio na ragione: su sciemm, su sciemm e senza spiranz.

I- Quale collega?

S.- Giulietta, chella che sta a Verona, anche là, l’artista allegro assaje, tanto fece e si confuse che morì lei e Romeo, na storia ‘nvintata pur’iss, ma na storia tristissima, a fine su tutti muort…

I.- Scusi, ma non capisco il nesso… il paragone…

S.- Issa, Giulietta, mi dicett che qualcuno mettet in giro a voce che se le toccavano una zizza… come dite voi, u seno, insomma se toccavano, aviss portato fortuna. Accussì tocca e cà e tocca e llà, a zizza se n’è scinnuta proprio, aveva perso un paio di taglie e ogni tanto l’hanno a restaurare.

I.- Mi pare di capire che, paragonandosi a Giulietta, lei non si senta come la donna oggetto, la donna vista come ammiccante verso l’uomo…

S.- Aè allora non avete capito niente? Ma re che stamm’ parlannno? La spigolatrice di Sapri non esiste proprio, nun teneva nient’ da spigolare, se l’è inventata Mercantini, mò Stifano, ‘o scultore, ne ha inventata una a modo suo ed è succiesso quello che è succiesso. Song venuti ca’, tutti vestiti eleganti, tenevano a fascia Tricolore ca mi emozionò assaje, si facettero nu gir torno torno e poi… fu tutto n’arricciamento e labbra, nu scuotimento e capo: “Sta statua è sessista assaje, sà da levà.” 

All’inizio, nun mi rendette conto, ma stavn’ parlann e me? O pover scultore l’hanno pigliat pe’ maschilista, pe’ uno ca teneva nu gust e cafone, e tutto chest… pecché song scostumata, poco vestita, troppo provocante co chelle chiappe rotonde e sode… ma o’veramente i politici nun tengono nient’ e megl’ a’ fà che dare della scostumata a me? 

Fatemi capire, Mercantini s’inventa na’ storia dove na guagliona sta a spigolare spighe ca nun ci stann’, a fa nnammurà e uno ca tiene ll’uocchi azzurri e invece so marroni, o fa sbarcare a Sapri, e fà mmurì a tutti quanti ed è n’eroe, nu poeta. O scultore mie, che m’ha ‘nventat’ accussì nun va bbene, me doveva vestire pesante… e volete nata verità: m’aveva vestita pesante, me song spugliat’ io, tenevo troppo caldo a spigolare….

I.- Quindi a lei va bene così?

S.- Amica mia bella, avete visto quanta gente c’era? A ogni statua piace essere ammirata, fotografata e tutto sto movimento fa bene a tutti, se nunn’avessero arricciato e labbra nessuno si sarebbe accorto e me, dello scultore, della poesia, del Mercantini e di Sapri.

I.- Sono d’accordo, la pubblicità muove il mondo! E… mi conceda l’ultima domanda: come vede il suo futuro?

S.- Beh, pe’ come vanno e’ cose, non mi farebbe meraviglia che qualche scrittore, sta già immaginando na’ storia a puntate, magari con una ispettrice, una comandante dei carabinieri, che tiene na’ casetta proprio ca’ davanti, una con la divisa accussì nunnè sessista, ma ca tiene a quarta e reggiseno ed è bella assaje, che indaga su muort ammazzati e s’ennammora e chillo collega sciupafemmine, ma senz’essere sessista, pecché so e’ femmine sciemm ca s’ennamuran e’ iss… e io, in tutta sta confusione e muort ammazzati e ispettrice e sciupafemmine ne approfitto per andare in televisione.

I.- In effetti, è molto probabile. Bene, stanno già arrivando i suoi ammiratori, la lascio a loro. Grazie per essere stata franca e simpaticamente gentile. Se passerò da queste parti, tornerò a trovarla.

S.- Grazie a voi… io qua sto, quando venite è sempre un piacere! Ma perché non ci diamo del tu?

I.- Certo, ma qual è il tuo nome?

S.- Annarella.

I.- Ciao Annarella.

S.- Ciao Carmè.