Immaginando la Signora Cecioni

Pronto! Sì, so’ a signora Cecioni. Come ha detto, scusi?
…….
Ah! Dice che devo morì. Come? Scusi? Sta linea è disturbata, ma da dove chiama? Se sente lontano. Madonna santa come se sente… è tutto disturbato.
………
Ah! Chiama dall’Aldilà. Mah… sa, non so proprio tanto ferata ‘ngeografia, mio marito non mi porta mai in vacanza, crede che per andà a Ostia ce vuole er passaporto, mica lo sa che Ostia è in Italia. Sta ancora in Italia, vè? ‘Nse sa mai, co tutti sti cambiamenti… e ce trovamo in uno di quei paesi llà.
…………
Ah! Lei è Pietro. Tanto piacere, so’ a fija de sora Augusta, maritata Cecioni, Cecioni de cognome. Sì, me dica pure, com’è sta storia che dovessi morì?
………
Ah! Ho capito, non dipende da lei. Senta, ma si potrebbe parlà cor Direttore Generale?
…….
Ah! Dice che è troppo occupato? Non è pe’ esse insistente, è che c’avrei ancora du cosette da fa’… ma non è che sta cosa se potrebbe rimandà?
……..
Ah! Dice che tutti devono morì. Ma tutti tutti? Che fate, chiamate pe’ zone? Perché c’avrei…, mio marito c’avrebbe, na casetta ‘ncanadà… sì, quella che poi ce fecero la canzone, proprio quella coi gelsomini e i fiori di lillà… che me tocca scopà tutti i fiori che cadono per terra… sapesse sor Piè, cosa non cadono dai lillà… e comunque, se fate a zone io potrei spostarmi de llà.
……..
Come dice? Ah! Fate per nome e cognome. Ma me dicesse una cosa… tempo fa, s’è sparsa la voce di un certo Lazzaro che ebbe na specie de proroga…
…….
Ah! Ci vogliono le conoscenze giuste. Ho capito. Sì, sì. Dunque, vediamo chi potrei conosce. Senta, c’è il fijo della portinaia, sora Assunta, che fa er benzinaro… nella vita c’avemo tutti bisogno di un benzinaro de fiducia, co quello che costa a benzina…
……….
Come dice? Dalle parti sue non serve. E va bene, siete ancora colle macchine a vapore… e no, nun conosco nessuno che vende vapore. Però, sora Bice, che sta ar primo piano, c’ha ‘nfijo che fa er meccanico… niente niente potesse servì?
………
Manco er meccanico ve serve. E che è ve spostate a aria? Mah… lassamo stà che mammà poi dice che sò volgare, che a lei la volgarità non le è mai piaciuta, che poi me chiama e me fa nova, pe’ quanto me ne dice. Dunque… vediamo che conoscenze c’ho… Prego?
…….
Ah! Dice, conoscenze più alte. E più alte… c’era sora Cesira, lei sta al terzo piano, il fijio fa er fruttarolo, che ve serve un po’ de frutta fresca? … ce sò le susine che come ve ce mannano…. manco ve n’accorgete.
……..
A sor Piè! Ma che ve debbo dì, al quarto piano c’era sor Luigi ma è morto tre mesi fa e manco c’aveva fiji.
Ma sor Piè… che ve sentite male? Perché state co’ ‘llocchi al cielo? Oh Madonna del Divino… questo me sta a morì… che impressione!
…..
Come dite? Non state a morì… non potete morì… Allora c’abbiamo trovato a soluzione… se nun potete morì voi, ve pare che posso morì io?
……….
Come dite? Camperò fino a cent’anni… se, se, poi ne parlamo, c’ho tante cose da fa’ e chi c’è l’ha il tempo de morì. Beh, ora devo chiamà mammà che quella, se trova occupato, sta in pensiero. Sor Piè, state bene, salutate la signora…
…….
Nun c’havete na signora? Ora o dico a mammà che c’è n’amica sua che da quanno vide Garibaldi nun se lo po’ levà dalla testa… s’è ‘mpressionata… ma come s’è ‘mpressionata quella… però magari se po’ combinà.
………
Ah! Vi sta bene da così. E tutti i gusti so gusti… che ve devo dì. Se parlate a Giovanni mio, ve potrebbe de raccontà le gioie der matrimonio, anzi, perché nun lo chiamate e ve fate quattro chiacchiere, lui parla poco ma ascorta tanto bene, Giovanni mio. Chiamatelo eh! Vabbè, mò fatemi chiamare a mammà che avrà già telefonato all’obitorio. Quanto me snerva quella donna…

 

Franca Valeri, pseudonimo di Alma Franca Maria Norsa (Milano, 31 luglio 1920 – Roma, 9 agosto 2020)

un modesto omaggio a una Donna che è Maiuscola e che “non c’ha tempo de morì”. Grazie
chiedo scusa per il “romano” imperfetto