Piove…

 

piove…
dal mare sale un cielo nero che sa di cose calde
di odore di legna bruciata e vecchie giacche di lana
il mare racconta storie lontane
di uomini e donne perduti nelle nebbie
ne riporta le urla disperate salendo sugli scogli
cop rendo di schiuma bianca l’erica sferzata dal vento
spruzzi di mare arrivano sulla strada
sui vetri di macchine frettolose incuranti del racconto del mare
piove…
soffia il vento di ponente
sbatte ciò che incontra e agita gli animi
soffia sulle nuvole nere
sul mare che racconta storie
sulle imposte delle case di mare
piove…
corrono gli uomini spinti dal vento
con gli ombrelli strappati

accartocciati come anime di amori finiti

uomini bagnati dalla pioggia
da pezzetti di mare
che si mescolano alla pioggia come lacrime improvvise
e intanto laggiù
un timido cielo di un azzurro bagnato avanza a fatica…
lentamente avanza